.
Annunci online

signore e signori, ecco a voi il SILENZIO
Modalità: DEBOSCIO :-)))))
post pubblicato in diario, il 10 febbraio 2013

Finite le semestrali interstagionali: nella mia azienda è tutto vissuto come se si trattasse di qualche disciplina sportiva.

Volevo una pausa, almeno una settimana. Ho ottenuto quanto volevo, ma contrattando una presenza quasi ubiqua in azienda per mercoledì. Tra l’altro spero di liberarmi in fretta perché in quella serata riapre una storica libreria di Milano e vorrei esserci: entrare in una libreria equivale ad assumere elisir di giovinezza mentale.

Non pago di questo, giovedì mattina partirò per un viaggetto ad Amsterdam. L’unica nota stonata (ma niente di che) è che per domani (forse per oggi -!!!!-) è prevista NEVAZZZZA in pianura: accetto tutto, ma proprio tutto, ma la neve NO.

Non pensiamoci: magari le previsioni cambieranno un po’.

Intanto ieri ho avuto occasione di giocare in casa incontrando qui a Milano AVEATQUEVALE (alias “Oggi mordo”) e compagnia e ce la siamo divertiti.

Oggi vorrei provare il gusto di una nuotata pre neve, perché altrimenti la mia bella personcina rischia di perdere quel minimo di forma accettabile.

Ma la notizia è che ho iniziato 2666, un libro la cui quarta di copertina è moooolto intrigante. Sono più di 900 pagine e ho pensato di iniziarlo proprio adesso che inizia una bella pausa mentale. Okay, sono solo a pagina 82...

Insomma, faccio quello che voglio, con i tempi che voglio.

Anche questo è ricaricarsi...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. diario Amsterdam 2666

permalink | inviato da Tenebrae il 10/2/2013 alle 10:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
VENEZIA vs. AMSTERDAM (2-2)
post pubblicato in diario, il 25 luglio 2011

 

Venezia ed Amsterdam in meno di una settimana.

Occasione per rivedere Venezia. Il pretesto é la festa del Redentore, un momento di aggregazione, per stare in mezzo alla gente, o addirittura –pensi - per vivere l’esperienza di una sardina inscatolata.

Ah no! Non è per niente così

Appena ti addentri per le calli respiri un’altra aria. Sì certo, la gente non manca e pure se c’e’ casino, non c’e’ il disordine. Devi solo avere la fortuna di conoscere anticipatamente chi ha di diritto la possibilità di affittare i mini lotti (che si trovano ai lati del canale) assegnati dal comune ed il gioco è fatto.

Il tardo pomeriggio, il tramonto, la sera, la festa: Venezia sorniona ti ha catturato un’altra volta.

 

Amsterdam, non capisci se è grande o piccola. Ma non importa nemmeno un po’: respiri subito un senso civico che da noi te lo scordi (le auto si fermano per far passare i pedoni ch e sono sulle strisce, e ho detto tutto…).

La città è un dedalo di piste ciclabili: se a Milano queste sembrano isole pedonali, ad Amsterdam devi stare attento quando attraversi perché rischi di essere violentemente travolto.

La città olandese, inoltre, è una babele di lingue: quasi metà della popolazione proviene dalle più diverse parti d’Europa e del mondo. Parli in inglese e ti capiscono tutti, qualunque sia l'estrazione sociale.

Facciamo un confronto con l’Italia… No, meglio di no.

 

Ok, d’accordo, l’erba del vicino è sempre più verde. Ho visto le due città in situazione  V A C A N Z A  e questo vuol dire parecchio.

Se ci finisci per abitare, Amsterdam (Venezia?) è sempre la stessa: strade, canali, stradine, canalini…  E se una volta Amsterdam era il bengodi per chi dall’estero veniva a cercar lavoro, adesso non è così semplice: la crisi sta arrivando pure qui.

Godiamoci le città da vacanzieri, va’, che è già molto…


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. diario Venezia Amsterdam 2-2

permalink | inviato da Tenebrae il 25/7/2011 alle 17:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
Sfoglia gennaio        marzo
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca